Ossido nitrico - biomarker dell'asma bronchiale

di recente per la prima volta nella storia della medicina medico Maria Belvizi, Peter Barnes e colleghi del National Heart Lung e il Regno Unito hanno dimostrato che il meccanismo che preserva i bronchioli polmonari aperte, in gran parte controllata da ossido nitrico.

Ossido nitrico - un biomarker

asma nel 1993. dottor Barnes e Belvizi entusiasmo ha riferito la rivista Tpogah: Anche cinque anni fa, solo poche persone potevano permettersi di assumere che l'ossido nitrico semplice( NO) è coinvolto nella regolazione del lavoro di tante funzioni fisiologiche. L'articolo descrive la formazione di gas dall'aminoacido di L-arginina dalle cellule che rivestono i polmoni e i macrofagi, le forme di enzimi necessarie per la sua produzione. Ha parlato del ruolo dell'ossido nitrico nel rilassamento dei vasi sanguigni e dell'ampliamento delle più piccole vie aeree dei polmoni, chiamate bronchioli. Questo è stato un importante passo avanti nella nostra comprensione del ruolo dell'ossido nitrico nell'insorg

enza dell'asma.

Un altro gruppo di ricercatori dal Regno Unito ha anche riportato la formazione di ossido nitrico nelle vie aeree che rivestono i polmoni. Gli scienziati hanno suggerito che con l'asma questo ha permesso di contrastare il restringimento dei bronchioli. Allo stesso tempo, gli studi scientifici condotti da specialisti svedesi, che mostrano la partecipazione allo scambio di gas, ci sembrano eccessivamente semplicistici. L'asma è il fattore che ci consente di comprendere meglio la profondità della complessità del problema.

Attualmente, ha dimostrato che la soddisfazione del corpo ha bisogno di ossido nitrico per inalazione possono avere un effetto terapeutico con altre malattie polmonari correlate, ivi incluse ipertensione polmonare e sindrome da distress respiratorio.

Dr. Kharitonov insieme da Ospedale per bambini, colleghi Vienna riferito che l'applicazione di L-arginina come additivo alimentare, secernere ossido nitrico, notevolmente aumentato il contenuto di questo gas nell'aria espirata da quali cellule delle vie aeree.

Hanno confrontato i risultati di ricezione di tre diversi dosaggi di gruppo L-arginina di persone sane con i risultati ottenuti nel gruppo di controllo trattati con placebo, e ha scoperto che la più alta dose di L-arginina ha causato un significativo aumento della concentrazione di ossido di azoto nell'aria espirata. Il livello massimo di concentrazione è rimasto per circa 2 ore dopo l'assunzione dell'additivo alimentare. I pazienti non hanno riscontrato alcun cambiamento significativo nella frequenza cardiaca e nella pressione sanguigna. Solo uno di loro non si sentiva sollevato.valore

dei risultati diventa ancora maggiore peso dovuto effettuata durante gli studi di astinenza che la ricezione di L-arginina come additivo alimentare aumenta l'organismo di produzione e di ossido di azoto luce e che può trovare applicazione nel trattamento di malattie in cui si produce ossido nitricoin quantità insufficiente, ad esempio, con asma.

Prodotti che causano asma

Abbiamo già parlato di allergeni alimentari e altre sostanze irritanti come polline, lana e peli di animali. Tuttavia, porterò dalla lista del Dr. Egger e dei suoi colleghi quei prodotti che sono più suscettibili di provocare un attacco. Latte vaccino e formaggio

  • ;
  • agrumi;Grano
  • ;Additivi alimentari
  • ( tartrazina e acido benzoico);Uova di pollo
  • ;Pomodori
  • ;Cioccolato
  • ;Mais
  • ;Uve
  • .

Trattamento di asma in accordo con il metodo di trattamento terapia comportamentale di asma si concentra su tre settori: 1.

Meno irritanti noti in aria e il cibo;

2.

Rifiuta da carichi che richiedono una significativa tensione muscolare, introspezione e rilassamento;

3.

esercizi respiratori volti a migliorare l'efficacia del processo di respirazione, di riprendere il controllo dei muscoli del diaframma e del torace e la misura della tensione muscolare( tono).

Da un punto di vista psicologico di ridurre la frequenza e l'intensità degli attacchi di asma offre ulteriori benefici per i pazienti, dando speranza e fiducia.